Via Flaminia Nord, 11 - 06030 Valtopina (PG)

GUINNESS WORLD RECORD: l’opera d’arte più lunga al mondo

il progetto: Un arcobaleno di colori lungo 5 chilometri che toccherà e abbraccerà simbolicamente tre comuni, disteso dal pontile di Forte dei Marmi, attraverso il Cinquale e fino a Poveromo.

E’ questa l’impresa che vuole realizzare il giovane artista massese Luca Fruzzetti, in arte Dale, con l’intento di entrare ufficialmente nel Guinness World Record. Appuntamento con la storia fissato per il 5 settembre (oppure, in caso di maltempo, per domenica 13) quando arriverà anche la giuria ufficiale per valutare l’opera e inserirla, o meno, nel famoso libro dei record.

Arcobaleni che si susseguono in un viaggio ininterrotto fra i colori come messaggio di speranza e di pace, di cultura e inclusione. Il simbolo forte che ha segnato tutta la fase del lockdown in Italia, nel periodo più duro a oggi nella lotta contro la pandemia. Fruzzetti, 26 anni, è massese figlio d’arte, del maestro Maurizio Fruzzetti. Laureato in psicologia della formazione, ha già all’attivo diverse esposizioni fra Roma e Milano e due in corso: “Una alla Marguttiana di Forte dei Marmi e un’altra alla Pro Biennale di Venezia”.

Risorse raccolte: l’installazione dal titolo “The Walk of Peace” sarà l’opera d’arte più lunga creata al mondo da un singolo artista, il cui fine è sostenere un messaggio di pace e speranza in risposta alla pandemia di COVID-19.

In linea con questo messaggio abbiamo effettuato un’analisi accurata dei fornitori per realizzare il progetto con responsabilità e con la massima sostenibilità ambientale ed economica.

Diversi gli sponsor che hanno partecipato al progetto con delle donazioni, tra cui Cromology Italia, Einside, Timelapselab, Valtoplast, Il Gatto Mammone, Goupubblicità.com e Doctor House.


Road to Guinness!

Dalla Lombardia all’Umbria.
Il tema cardine dell’opera “The Walk of Peace” è la PACE; non potevamo esimerci dal passare per Assisi dove l’azienda Valtoplast ci ha fornito il materiale di protezione per l’opera.

Un ringraziamento speciale all’Ing. Carlo Nini.

Stay tuned! #guinnessworldrecords

FONTI: lanazione.it ,eppela.com, facebook.com